La candidatura in Lombardia è un grande riconoscimento del lavoro fatto in questi dieci anni in Parlamento, specialmente negli ultimi come vicepresidente della Commissione trasporti della Camera dei deputati.
Anzi è di più: è non solo il riconoscimento del lavoro fatto ma anche il segno tangibile di un rapporto di amicizia e stima tra me e Maurizio Lupi.
Maurizio mi ha portato prima accanto a sé al ministero a occuparmi del tema delle infrastrutture indispensabili per lo sviluppo del nostro Paese e, ora, a candidarmi nella sua terra perché crede che io sia in grado di rappresentarla, di farmi portavoce anche delle istanze del suo territorio come ho fatto per le istanze del mio, della mia Messina per la quale mi continuerò a impegnare. Da Messina a Milano sarò lo stesso Enzo Garofalo che avete visto in questi anni. Da Messina a Milano sì perché, come ripeto in questa campagna elettorale “nordica” senza il Sud non c’è crescita e non c’è futuro per il nostro Paese. Abbiamo costruito una lista fatta di persone competenti che credono che le cose si possano fare senza urlare, senza calpestare gli altri. Con passione, competenza, serietà e amore. Questo è il motivo per il quale chiedo a chi crede nel mio lavoro di votare “Noi con l’Italia” il 4 marzo prossimo. Che viviate a Messina o a Milano. Perché solo se ci voterete potremo essere in Parlamento e dare voce non alle urla ma alle vostre istanze.
Da Messina a Milano.

Leave a Comment